Home / Ethereum / Regole del tribunale di Shanghai Ethereum è protetto dalla legge come proprietà

Regole del tribunale di Shanghai Ethereum è protetto dalla legge come proprietà



Un tribunale cinese ha stabilito che Ethereum gode della stessa protezione legale di una proprietà.

articleStartImage

Il tribunale distrettuale di Hongkou di Shanghai ha stabilito che Ethereum e altre criptovalute non sono classificate come denaro ma hanno la stessa protezione legale della proprietà, un post su Baidu, il portale cinese dei motori di ricerca simile a Google, disse.

Il caso derivava dalla raccolta di fondi fatta da un'azienda tecnologica con base a Pechino nell'agosto 2017 che coinvolgeva Bitcoin ed Ethereum. Tuttavia, la compagnia fu costretta a restituire la compagnia agli investitori dopo che il governo cinese ordinò il divieto delle offerte iniziali di monete.

Tuttavia, a causa di un errore operativo, la società ha inviato 20 Ethereum all'investitore sbagliato. L'azienda tecnologica ha cercato di recuperare l'ETH dal destinatario sbagliato, ma l'investitore ha tagliato tutte le comunicazioni e si è rifiutato di restituire la valuta digitale. La società ha quindi portato il caso in tribunale e ha presentato una denuncia contro l'investitore.

La sentenza della corte ha dichiarato:

"Il tribunale sostiene che, poiché gli altri non avevano alcuna base legale e ottenuto benefici indebiti, la persona che ha subito la perdita aveva il diritto di richiedere il ritorno dei benefici indebiti".

In un primo momento, la corte si è pronunciata a favore della società e ha dichiarato che il suo ricorso era giustificato e che l'investitore dovrebbe immediatamente restituire il denaro. Ma l'investitore ha impugnato la decisione, sottolineando il divieto del governo sugli ICO e il trading di criptovaluta che, ha detto, ha annullato le accuse.

Tuttavia, la corte ha bloccato la sua decisione e ha affermato che mentre le valute digitali non possono essere trattate come valuta fiat, hanno la stessa protezione dei diritti di proprietà.

"La Cina non riconosce le proprietà monetarie delle" valute virtuali "incluso Ether. Tuttavia, non possiamo negare il fatto che Ether debba essere protetto dalla legge come proprietà generale … Secondo questa regola, dopo che la parte ha trasferito erroneamente la valuta virtuale, al destinatario della valuta virtuale può essere richiesto di restituire la proprietà. Se la parte ingiustificata si rifiuta di ritornare, la parte lesa può fare causa in tribunale ".

Alla fine, l'investitore ha restituito tutti i 20 Ethereum entro dieci giorni dalla sentenza.

Anche con questa sentenza favorevole, un recente studio di un professore all'università di Shanghai Jiaotong mostra quella è improbabile che la maggioranza della classe media cinese investa in attività digitali. Wu Xiaobo, che è anche uno scrittore finanziario, ha pubblicato il suo White Paper del 2018 sul New Middle Class, mostrando che meno del 10% della nuova classe media in Cina sta investendo in valute digitali.


Source link