Home / Cryptocurrency / Regole del giudice federale La criptovaluta MBC è una merce

Regole del giudice federale La criptovaluta MBC è una merce

In un caso limite per l'industria della criptovaluta, un giudice federale ha stabilito che una criptovaluta catturata nel bel mezzo di una causa è una merce, rivelano documenti giudiziari.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti per il Massachusetts Rya Zobel ha deciso che il partito accusatore della causa – la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) – può procedere con la sua causa contro My Big Coin Pay Inc. poiché la sua criptovaluta My Big Coin (MBC) non cade nel categoria di una sicurezza.

My Big Coin è stata fondata nel dicembre del 2013. Presumibilmente basata nel Wyoming, l'azienda offre il proprio portafoglio digitale per archiviare criptovalute e una borsa digitale per il commercio. My Big Coin ha iniziato a vendere la propria valuta – MBC – attraverso un'offerta iniziale di monete (ICO) e ha incassato circa $ 6 milioni da 28 investitori separati promettendo l'1% di interesse all'anno agli investitori che tenevano aperti i loro portafogli.

La CFTC afferma che l'ICO ha lo stesso comportamento e le stesse qualità di uno schema Ponzi. Sostengono che la società ha sede a Las Vegas, non in Wyoming, e che i proprietari Randall Crater di New York e Mark Gillespie del Michigan hanno utilizzato i fondi dei clienti per acquistare articoli costosi per loro stessi.

Inoltre, la CFTC ritiene che il denaro sia stato raccolto attraverso diverse affermazioni false, incluso il fatto che MBC è stato sostenuto dall'oro e scambiato attraverso diverse borse e che My Big Coin ha recentemente stretto una partnership con MasterCard.

Le accuse sono state archiviate nel gennaio 2018. I conti della società sono stati congelati e ai dirigenti è stato impedito di accedervi. Inoltre, è stato loro proibito di disporre di qualsiasi documentazione finanziaria.

Secondo i documenti del tribunale, il giudice Zobel ritiene che l'MBC si classifichi come una merce in quanto è una criptovaluta come il bitcoin:

"Il reclamo emendato afferma che My Big Coin è una valuta virtuale, ed è indiscusso che ci sono scambi futures in valute virtuali (in particolare con il bitcoin). Questo è sufficiente, soprattutto nella fase di implorazione, che il querelante asserisca che My Big Coin è una "merce" [Commodity Exchange] Atto."

L'avvocato difensore di My Big Coin Katherine Cooper ha espresso il suo disappunto per la decisione e continua a sostenere che la CFTC non ha la precedenza. Nei documenti del tribunale, sostiene che "i contratti per la consegna futura" non sono "trattati" My Big Coin. Pertanto, la valuta non può essere classificata come merce sotto la Corte dei conti.

"My Big Coin non ha contratti futuri o derivati ​​che lo scambiano", afferma. "Non è una merce. Ora che stiamo superando la fase di risoluzione del procedimento, non vediamo l'ora di sfidare la capacità della CFTC di provare molte delle accuse di fatto nella denuncia. Tra queste affermazioni di fatto ci sono quelle che parlano della parentela di bitcoin e My Big Coin e, quindi, della giurisdizione della CFTC ", ha detto.

Definire i token crittografici non è sempre stato un'impresa facile per i legislatori degli Stati Uniti. Recentemente, il giudice federale Raymond Dearie di New York ha invocato decennali leggi sui titoli per decidere che due ICO distinti, uno per REcoin e uno per Diamond, classificati come titoli. Entrambi i progetti erano diretti da Maksim Zaslavskiy, il quale sosteneva che il REcoin era sostenuto da beni immobili e che Diamond era sostenuto da diamanti veri. Nessuna delle due entità ha sostenuto le monete, e Zaslavskiy è stato accusato di due capi di frode.

Dearie ha dichiarato che gli ICO in questione erano "contratti di investimento" in base al Securities Exchange Act del 1934 e al test di Howey, in cui si afferma che una transazione è un contratto di investimento se una persona investe denaro in una "impresa comune e si aspetta dei profitti esclusivamente dagli sforzi del promotore o di terzi. "

Dearie asserisce i rendimenti attesi dai clienti sui loro investimenti e fa persino riferimento al rapporto DAO nella sua decisione, che è stata emessa a luglio del 2017 e spiega che tutti i token venduti su piattaforme di Ethereum, come sia REcoin che Diamond, erano titoli.

Dearie, tuttavia, dichiarò che le leggi dovevano essere interpretate in modo flessibile e che non tutte le ICO potevano essere considerate titoli. Lo stesso potrebbe dirsi per il caso My Big Coin, in quanto la classificazione della criptovaluta come merce è limitata al caso in esame e non si estende ad altre risorse crittografiche attualmente disponibili sul mercato.

Credito immagine: per M2545 – Opera personale, CC BY-SA 3.0

Source link