Home / Blockchain / La sandbox blockchain più idilliaca del mondo

La sandbox blockchain più idilliaca del mondo

<div _ngcontent-c15 = "" innerhtml = "

Immagine satellitare a colori reali del Mar dei Caraibi. È delimitata a sud e ad ovest dall'America centrale e meridionale, con l'Oceano Atlantico settentrionale a nord-est e il Golfo del Messico a nord-ovest. Immagine composita che utilizza dati LANDSAT 5.

Il concetto di una sandbox finanziaria o tecnologica, reso popolare nel corso dell'ultimo decennio, sta prendendo piede in tutto il mondo, in particolare quando i legislatori cercano di rimettere in bottiglia i geni della criptovaluta, della blockchain e della tecnologia (forse persino affamati di ossigeno). Per alcuni regolatori nelle giurisdizioni mature, come la Financial Conduct Authority del Regno Unito, FCA, i sandbox di Fintech o Insuretech e gli imprenditori che li popolano provengono in gran parte da posizioni di forza e, di conseguenza, possono promuovere innovazioni che "si adattano allo stampo" o migliorare marginalmente lo status quo. Lloyd's, il più antico del mondo mercato assicurativo specializzato, ad esempio, ha recentemente lanciato Lloyd's Lab sotto similitudine simile e con grande fanfara. Tuttavia, durante la scansione delle giurisdizioni cripto-friendly autoidentificate del mondo, le idilliache spiagge del bacino caraibico offrono non solo le opzioni più promettenti, ma sono anche le più prolifiche quando si tratta di innovazione rivoluzionaria e di occasionali fallimenti epici che accompagnano tutti grandi ondate di cambiamento.

La storia storica dei piccoli stati insulari, in particolare quelli dei Caraibi, è quella in cui le persone non hanno avuto altra scelta che innovare per rompere la "maledizione" di essere bloccati dall'acqua, bagnati dal sole e "troppo piccoli" per questione "nell'economia globale. Ciò ha invariabilmente consegnato molte nazioni caraibiche a economie monocilindriche, con il declino (e spesso estrattivo) del turismo come uno dei principali fattori economici. Vi sono, tuttavia, esempi emergenti del giusto equilibrio tra leadership politica e prudenza normativa che contiene un'innovazione sfrenata basata sull'avidità, senza tuttavia ostacolare il processo creativo che può servire da esempio per il mondo. Per questo, non guardare oltre Bermuda e il suo leader pronto per il futuro e il primo ministro, David Burt, che è stato annunciato per la recente conclusione Blockchain Central co-ospitato da Concordia e il Consiglio aziendale Blockchain globale come un archetipo Per il mondo.

Sulle coste idilliache di Bermuda e sotto il suo passato legislazione sui beni digitaliL'amministrazione del Premier Burt si è impegnata non solo a difendere la lunga leadership di Bermuda nell'innovazione delle assicurazioni, con oltre $ 100 miliardi di capitale di rischio formati sull'isola, ma ha l'obiettivo di portare i Bermudiani in un viaggio inclusivo di trasformazione digitale. Uno che produce risultati migliori, più sicuri e più efficienti quando si tratta di servizi per i cittadini, dal livello di base dell'identità, per registrare irrevocabilmente la principale risorsa della gente, la terra, all'educazione necessaria a garantire che i cittadini dell'isola non siano lasciati indietro in un mondo in rapida evoluzione con una scala di mobilità sociale sempre più complessa. Blockchain e diventare uno stato digitale sono al centro di questa strategia, tanto quanto Bermuda ha fieramente respinto tutti i prestatori che avrebbero messo a repentaglio la reputazione combattuta dell'isola come un centro finanziario di riferimento, alla pari con i più severi del mondo, come New York, Londra o Ginevra. Per questo motivo, a differenza di altre destinazioni di investimento che hanno più aziende registrate rispetto ai cittadini, Bermuda ha raggiunto un equilibrio ed evita la narrativa di essere una casella postale nell'Atlantico o semplicemente una destinazione turistica.

Più a sud dell'Avamposto Atlantico, quell'altro crypto-statista dei Caraibi, Gabriel Abed, il fondatore di Bitt, ha fatto incursioni laddove altri tecnologi blockchain non osano calpestare, vale a dire con le banche centrali – i guardiani sentinella dell'economia analogica, carica di attriti che tanti cripto-utopisti (e anarchici) scagliano contro, ma così pochi hanno il coraggio o le idee per affrontare, per non parlare di portare nell'ovile. In effetti, in misura non trascurabile grazie all'appassionata diplomazia di Abed e alla padronanza dell'opportunità del blockchain nel settore bancario centrale, Barbados ospiterà una delle prime al mondo gemello digitale a livello di economia del dollaro Barbados. Il neo-eletto Primo Ministro delle Barbados, Mia Amor Mottley, ha annunciato questa iniziativa come uno dei suoi pilastri principali, assicurando la competitività economica e l'attrattiva economica dell'isola a un crescente gruppo di tecnologi e innovatori finanziari in cerca di una casa.

Il lavoro di Bitt nello sfidare le banche centrali e la rete di insediamenti internazionali quello che lascia molti dietro è forse la prova più seria che la blockchain può cambiare la finanza in meglio. Una lamentela costante tra le nazioni caraibiche riguardo al sistema bancario globale è che le regole anti-riciclaggio e antiriciclaggio proibitive (AML) proibitivamente costose e conosciute (KYC) che sono entrate in voga per contrastare il terrorismo e gli accordi di finanza criminale sono in effetti un doppio rischio . Da un lato, le banche caraibiche vogliono rispettare queste regole per rendere il sistema bancario globale più sicuro e più tracciabile. D'altro canto, il costo e la complessità del fare ciò negano l'utilità sociale delle banche di fornire capitale accessibile alle famiglie e alle economie. Tuttavia, non tutti i casi di criptoinnovazione nel bacino caraibico hanno altrettanto successo, né tutti i leader sono stimolanti. In effetti, un paio di isole sul territorio degli Stati Uniti sotto assedio Porto Rico, una delle più grandi e diversificate economie della regione, l'arrivo di crypto-utopisti è ampiamente visto dai nativisti con scetticismo come l'ennesima ondata di invasione straniera solo per essere respinta.

Quando ci sono bisogni grandi come quelli di Porto Rico, non ci può essere monopolio nell'aiutare l'isola. Tuttavia, farlo sotto l'apparenza di un impegno a lungo termine, mentre si cerca di rinominare un'isola con più di 525 anni di storia post-coloniale come "Puerto Crypto", non è solo offensivo, rende i nuovi arrivati ​​e le loro motivazioni discutibili. La vera sfida a Puerto Rico, date le dimensioni e la complessità dell'economia e il profondo cratere lasciato dall'uragano Maria, che ha rivendicato più di 3000 vite e oltre il 150% del PIL dell'isola è forse più grande di quello che le aspirazioni della tecnologia della leva possono creare secondo gli standard odierni. Il caso di Puerto Rico dimostra che i rigiri di tutto il governo e di tutta la società sono difficili e richiedono una visione decennale. In nessun luogo questo è più vero che in Venezuela, uno stato fallito borderline, di cui criptato falso start con il lancio di una criptovaluta sostenuta da petrolio, il Petro, era l'equivalente di un passaggio di Ave Maria economico senza ricevitore nella zona finale.

Poche regioni al mondo hanno testato i limiti delle criptovalute, della blockchain e della tecnologia con il maggior numero di progressi e battute d'arresto del bacino caraibico – qui si trova il vero valore di prove ed errori e sandbox. Mentre ci sono luci brillanti come Bermuda e Barbados, che il mondo dovrebbe emulare, le isole più grandi come Haiti, Repubblica Dominicana, Cuba e Giamaica hanno l'opportunità di imparare dagli altri e saltare avanti. Nel frattempo, come emblema del peak crypto, le Isole Cayman hanno ospitato la seconda più grande offerta di monete del mondo, ICO, con Block.One che ha raccolto $ 4 miliardi senza nemmeno avere un prodotto vitale, che è stato eclissato dalla controversa offerta Petro del Venezuela, che secondo quanto riferito ha raccolto $ 5 miliardi.

">

Immagine satellitare a colori reali del Mar dei Caraibi. È delimitata a sud e ad ovest dall'America centrale e meridionale, con l'Oceano Atlantico settentrionale a nord-est e il Golfo del Messico a nord-ovest. Immagine composita che utilizza dati LANDSAT 5.

Il concetto di una sandbox finanziaria o tecnologica, reso popolare nel corso dell'ultimo decennio, sta prendendo piede in tutto il mondo, in particolare quando i legislatori cercano di rimettere in bottiglia i geni della criptovaluta, della blockchain e della tecnologia (forse persino affamati di ossigeno). Per alcuni regolatori in giurisdizioni mature, come la Financial Conduct Authority del Regno Unito, FCA, sandbox di fintech o insuretech e gli imprenditori che li popolano provengono in gran parte da posizioni di forza e, di conseguenza, possono promuovere innovazioni che "si adattano" o marginalmente migliorare lo status quo. Lloyd's, il mercato assicurativo specializzato più antico del mondo, ad esempio, ha recentemente lanciato il Lloyd's Lab con finta similitudine e grande fanfara. Tuttavia, durante la scansione delle giurisdizioni cripto-friendly autoidentificate del mondo, le idilliache spiagge del bacino caraibico offrono non solo le opzioni più promettenti, ma sono anche le più prolifiche quando si tratta di innovazione rivoluzionaria e di occasionali fallimenti epici che accompagnano tutti grandi ondate di cambiamento.

La storia storica dei piccoli stati insulari, in particolare quelli dei Caraibi, è quella in cui le persone non hanno avuto altra scelta che innovare per rompere la "maledizione" di essere bloccati dall'acqua, bagnati dal sole e "troppo piccoli" per questione "nell'economia globale. Ciò ha invariabilmente consegnato molte nazioni caraibiche a economie monocilindriche, con il declino (e spesso estrattivo) del turismo come uno dei principali fattori economici. Vi sono, tuttavia, esempi emergenti del giusto equilibrio tra leadership politica e prudenza normativa che contiene un'innovazione sfrenata basata sull'avidità, senza tuttavia ostacolare il processo creativo che può servire da esempio per il mondo. Per questo, non guardare oltre Bermuda e il suo leader pronto al futuro e Premier of Government, David Burt, che è stato annunciato al Blockchain Central, recentemente concluso, co-ospitato da Concordia e dal Global Blockchain Business Council come archetipo per il mondo.

Sulle coste idilliache delle Bermuda e sotto la recente legislazione sui beni digitali, l'amministrazione del Premier Burt si è impegnata non solo a difendere la lunga leadership di Bermuda nell'innovazione delle assicurazioni, con oltre $ 100 miliardi di capitale di rischio formati sull'isola, ha l'obiettivo di portare i Bermuda in un viaggio inclusivo di trasformazione digitale. Uno che produce risultati migliori, più sicuri e più efficienti quando si tratta di servizi ai cittadini, dallo strato di base dell'identità, alla registrazione irrevocabile delle risorse principali, della terra, all'educazione necessaria a garantire che i cittadini dell'isola non siano lasciati indietro in un mondo in rapida evoluzione con una scala di mobilità sociale sempre più complessa. Blockchain e diventare uno stato digitale sono al centro di questa strategia, tanto quanto Bermuda ha fieramente respinto tutti i prestatori che avrebbero messo a repentaglio la reputazione combattuta dell'isola come un centro finanziario di riferimento, alla pari con i più severi del mondo, come New York, Londra o Ginevra. Per questo motivo, a differenza di altre destinazioni di investimento che hanno più aziende registrate rispetto ai cittadini, Bermuda ha raggiunto un equilibrio ed evita la narrativa di essere una casella postale nell'Atlantico o semplicemente una destinazione turistica.

Più a sud dell'Avamposto Atlantico, l'altro cripto-statista dei Caraibi, Gabriel Abed, il fondatore di Bitt, ha fatto incursioni laddove altri tecnologi blockchain non osano calpestare, vale a dire con le banche centrali: i sentinelle guardiani dell'economia analogica, carica di attriti che così tanti cripto-utopisti (e anarchici) si scontrano, ma così pochi hanno il coraggio o le idee per confrontarsi, per non parlare di portare nell'ovile. In effetti, in misura non trascurabile grazie all'appassionata diplomazia di Abed e alla padronanza dell'opportunità del blockchain nel settore bancario centrale, le Barbados ospiteranno uno dei primi due gemelli digitali del dollaro Barbados al mondo. Il neo-eletto Primo Ministro delle Barbados, Mia Amor Mottley, ha annunciato questa iniziativa come uno dei suoi pilastri principali, assicurando la competitività economica e l'attrattiva economica dell'isola a un crescente gruppo di tecnologi e innovatori finanziari in cerca di una casa.

Il lavoro di Bitt nello sfidare il sistema bancario centrale e la rete di insediamenti internazionali che lascia dietro di sé è forse la prova più seria che la blockchain può cambiare la finanza in meglio. Una lamentela costante tra le nazioni caraibiche riguardo al sistema bancario globale è che le regole anti-riciclaggio e antiriciclaggio proibitive (AML) proibitivamente costose e conosciute (KYC) che sono entrate in voga per contrastare il terrorismo e gli accordi di finanza criminale sono in effetti un doppio rischio . Da un lato, le banche caraibiche vogliono rispettare queste regole per rendere il sistema bancario globale più sicuro e più tracciabile. D'altro canto, il costo e la complessità del fare ciò negano l'utilità sociale delle banche di fornire capitale accessibile alle famiglie e alle economie. Tuttavia, non tutti i casi di criptoinnovazione nel bacino caraibico hanno altrettanto successo, né tutti i leader sono stimolanti. In effetti, un paio di isole sul territorio americano di Puerto Rico, una delle più grandi e diversificate economie della regione, l'arrivo dei cripto-utopici è in gran parte visto dai nativisti con scetticismo come un'ulteriore ondata di invasione straniera solo per essere respinto

Quando ci sono bisogni grandi come quelli di Porto Rico, non ci può essere monopolio nell'aiutare l'isola. Tuttavia, farlo sotto l'apparenza di un impegno a lungo termine, mentre si cerca di rinominare un'isola con più di 525 anni di storia post-coloniale come "Puerto Crypto", non è solo offensivo, rende i nuovi arrivati ​​e le loro motivazioni discutibili. La vera sfida a Puerto Rico, date le dimensioni e la complessità dell'economia e il profondo cratere lasciato dall'uragano Maria, che ha causato più di 3.000 vite e oltre il 150% del PIL dell'isola, sono forse maggiori delle aspirazioni della tecnologia a leva. creare secondo gli standard odierni. Il caso di Puerto Rico dimostra che i rigiri di tutto il governo e di tutta la società sono difficili e richiedono una visione decennale. In nessun luogo questo è più vero che in Venezuela, uno stato fallimentare borderline, il cui criptico inizio di partenza con il lancio di una criptovaluta sostenuta da petrolio, il Petro, era l'equivalente di un passaggio di Ave Maria economico senza ricevitore nella zona finale.

Poche regioni al mondo hanno testato i limiti delle criptovalute, della blockchain e della tecnologia con il maggior numero di progressi e battute d'arresto del bacino caraibico – qui si trova il vero valore di prove ed errori e sandbox. Mentre ci sono luci brillanti come Bermuda e Barbados, che il mondo dovrebbe emulare, le isole più grandi come Haiti, Repubblica Dominicana, Cuba e Giamaica hanno l'opportunità di imparare dagli altri e saltare avanti. Nel frattempo, come emblema del peak crypto, le Isole Cayman hanno ospitato la seconda più grande offerta di monete del mondo, ICO, con Block.One che ha raccolto $ 4 miliardi senza nemmeno avere un prodotto redditizio, che è stato eclissato dalla controversa offerta Petro del Venezuela, che secondo quanto riferito raccolto $ 5 miliardi.

Source link