Home / Blockchain / [INTERVIEW] SparkLabs blocca gli occhi per aumentare la crescita

[INTERVIEW] SparkLabs blocca gli occhi per aumentare la crescita

[THE INVESTOR] TOKYO – SparkLabs Group, il più grande acceleratore di startup dell'Asia, sta cercando un'ulteriore espansione a livello globale e la sua ultima arma è la blockchain.

Il gruppo il 20 settembre ha lanciato il suo nuovo acceleratore di avvio incentrato su blockchain e cybersecurity a Washington DC. Dopo anni di espansione principalmente in Asia dal suo lancio in Corea nel 2012, si sta ora espandendo nel mercato statunitense.

"Gli Stati Uniti possono essere leader nel commercio di crittografia, ma è l'Asia dove c'è innovazione tecnologica. Vogliamo portare ciò che sta accadendo in Asia negli Stati Uniti e in altri mercati ", ha detto Bernard Moon, co-fondatore di SparkLabs, a The Investor ai margini del TEAMZ Blockchain Summit tenutosi a Tokyo il 28 settembre.

Nonostante un mercato di crypto trading poco brillante, ha riposto grandi speranze sulla blockchain per il prossimo grande salto del gruppo, citando un chiaro passaggio dal lato commerciale alla tecnologia più recentemente. SparkLabs lo scorso anno ha lanciato il proprio fondo di investimento blockchain da 100 milioni di dollari, denominato SparkChain Capital.

"La prossima ondata di imprenditori e investitori sta entrando nel mercato", ha detto, aggiungendo che le parole chiave come l'intelligenza artificiale e la realtà virtuale stanno rapidamente perdendo la loro lucentezza nella scena startup.

Sottolineando il ruolo della Corea, insieme alla Cina, nell'industria della blockchain, ha minimizzato l'impatto degli ostacoli normativi.

"Avere regolamenti più favorevoli non è cruciale per l'innovazione. Ciò che conta sono i suoi utenti, le implementazioni attive e le attività di investimento e di avvio. La Corea e la Cina stanno già implementando tecnologie blockchan sia a livello governativo che a livello di impresa ", ha affermato.

"La Corea era vista come una delle prime tecnologie di consumo e ora è diventata uno dei primi ad adottare la tecnologia aziendale. Grandi aziende come Samsung e Hyundai Motor prestano molta attenzione all'adozione della tecnologia blockchain. È raro in altri paesi. "

SparkLabs, una vasta rete di acceleratori e fondi di venture capital, opera già in Corea, Cina, Taiwan, Hong Kong e Australia. Ha inoltre lanciato un acceleratore focalizzato sull'energia in Oman a maggio.

A partire dal nuovo acceleratore blockchain negli Stati Uniti, il gruppo intende accelerare la sua espansione anche in Europa e nel Sud-Est asiatico. La luna ha lasciato intendere che la sua prossima destinazione sarebbe stata una città nordica che creerà una rete globale dei suoi hub tecnologici insieme a Seoul e Pechino.

Bernard Moon, co-fondatore di SparkLabs

"Abbiamo già buoni partner negli Stati Uniti. Ora la rete sta diventando più solida avendo una presenza fisica lì ", ha detto. "È un buon periodo di crescita per noi. I prossimi cinque anni saranno più interessanti man mano che la nostra rete diventerà più forte. "

Quasi 100 startup si sono diplomate nei programmi SparkLabs solo in Corea. Tra questi Memebox, un rivenditore online di bellezza il cui finanziamento azionario totale raggiunge 170 miliardi di won (153 milioni di dollari USA) e Blocko, uno sviluppatore di piattaforme blockchain i cui partner principali includono Samsung SDS e Hyundai Card.

Ora circa 200-300 startup stanno facendo domanda per partecipare al suo evento demoday altamente pubblicizzato. I team più forti si stanno unendo e il processo di valutazione sta diventando più difficile.

"Ora vediamo startup più forti. Le persone affermate come ingegneri di grandi aziende come Samsung sono disposte a venire fuori e cercare di stabilire le startup ", ha detto. "Questo è probabilmente un testamento dell'ecosistema di avvio coreano".

Di Lee Ji-yoon (jylee@heraldcorp.com)

Source link